Translate

domenica 25 febbraio 2018

Le 10 regole per una strategia di controllo sociale a fini di manipolazioni - Noam Chomsky


https://ontologismi.files.wordpress.com/2015/04/noam-chomsky-e-il-controllo-sociale.jpg
 
Il linguista Noam Chomsky, professore emerito del MIT, padre delle grammatica generativo-trasformazionale una delle classiche voci di dissenso intellettuale negli ultimi dieci anni, ha compilato una lista delle dieci strategie più comuni ed efficaci a cui far ricorso per stabilire da parte del potere politico ed economico una manipolazione della popolazione attraverso i media. Oggi, con i mezzi di comunicazione a nostra disposizione è possibile agire non solo su vasta scala, ma anche a livello di piccole comunità, al fine di “orientare” scelte e comportamenti a beneficio di pochi ma a danno di tutti.

1. La strategia della distrazione
L'elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel deviare l'attenzione del pubblico dai problemi importanti e dei cambiamenti determinati dalle élites politiche ed economiche, con la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e informazioni insignificanti. La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l'interesse pubblico nella conoscenza essenziale nel campo della scienza, l'economia, la psicologia, la neurobiologia e la cibernetica. "Mantenere l'attenzione del pubblico deviata lontano dai veri problemi sociali, affascinato da questioni di reale importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, non c'è tempo per pensare, di nuovo alla fattoria e altri animali (citazione da testo Armi silenziose per la guerra silenziosa). "
2. Creare problemi, quindi offrire soluzioni
Questo metodo è anche chiamato "problema -reazione- soluzione. Si “crea” un problema, una” situazione” atta a provocare qualche reazione tra il pubblico, questo è il primo principale passo per fare accettare ciò che non si desidera trasformandolo in necessità . Ad esempio: lasciare che si dispiegano e intensificare la violenza urbana, o organizzare attentati sanguinosi in modo che il pubblico sia il richiedente di leggi e politiche di sicurezza a scapito della libertà. Oppure: creare una crisi economica per far accettare come un male necessario il ritiro dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.
3. La strategia graduale
L’accettazione di misure inaccettabili, basta applicarle gradualmente, con il contagocce, per anni consecutivi. Questo è il modo in cui “imporre” radicalmente nuove condizioni socio-economiche (neoliberismo) come furono imposte durante gli anni 1980 e 1990: lo stato minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantiscono un reddito dignitoso, così tanti cambiamenti che avrebbero determinato un rivoluzione se i cambiamenti fossero stati applicati in una sola volta.
4. La strategia del rinviare
Un altro modo per accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come "dolorosa e necessaria", ottenendo l'accettazione pubblica, ma contemporaneamente rinviandola per una futura applicazione. E 'più facile accettare che un futuro sacrificio si sostituisca ad un immediato provvedimento. In primo luogo, perché lo sforzo non viene utilizzato immediatamente. Allora, perché il pubblico e le masse, hanno sempre la tendenza a pretendere ingenuamente che "tutto andrà meglio domani" e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. Questo dà più tempo al pubblico per abituarsi all'idea del cambiamento e di accettare con rassegnazione quando sarà il momento.
5. Rivolgersi alla gente come a dei bambini
La maggior parte della pubblicità diretta al grande pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, spesso con voce flebile, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, tanto più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se questa avesse 12 anni o meno, allora, a causa della suggestionabilità, questa probabilmente tenderà ad una risposta o ad una reazione priva di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).
6. Usare il lato emotivo più che la riflessione
Sfruttando l'aspetto emozionale è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un'analisi razionale, ed infine al senso critico dell'individuo. Inoltre, l'uso del registro emotivo per aprire la porta verso l'inconscio per l'impianto o l'innesto idee, desideri, paure e le ansie, compulsioni, o indurre comportamenti ...
7. Mantenere il pubblico nell'ignoranza e nella mediocrità
Rendere il pubblico incapaci di comprendere le tecnologie e metodi di controllo e di riduzione in schiavitù. "La qualità dell'educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza dell'ignoranza che pianifica tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da raggiungere per le classi inferiori (vedere" Armi silenziosi per Guerra tranquillo). "
8. Incoraggiare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità
Promuovere il pubblico a ritenere che il fatto è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti ...
9. Rafforzare il senso di colpa
Far credere all’individuo di essere esclusivamente lui il responsabile della proprie disgrazie a causa di insufficiente intelligenza, capacità o sforzo. In tal modo, anziché ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e si sente in colpa, cosa che crea a sua volta uno stato di repressione di cui uno degli effetti è l’inibizione ad agire. E senza azione non c’è rivoluzione!
10. Conoscere gli individui meglio di quanto loro stessi sanno
Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élites dominanti. Grazie alla biologia, alla neurobiologia e alla psicologia applicata, il “sistema” ha potuto fruire di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia fisicamente che psichicamente. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su sé stessa.

 Fonte : www.ontologismi.wordpress.com

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Henri-Frédéric Amiel sull'uguaglianza

  Le masse saranno sempre al di sotto della media. La maggiore età si abbasserà, la barriera del sesso cadrà, e la democrazia ...

Post più popolari